Berlucchi Rosè 61, una slanciata freschezza con un finale scintillante!

Rosè 61 Berlucchi, un elegante rosè da 91 punti James Suckling

16.80€ / bottiglia

Bottiglie
Prezzo di listino (23.00€/bottiglia)
Sconto
Il tuo prezzo (16.80€/bottiglia)

Questa offerta speciale di Vivino non è più attiva. Ti invitiamo a consultare le altre nostre grandi offerte.

La promozione finirà in

00giorni 00ore: 00minuti: 00secondi
none
Vivino (809 recensioni)
James Suckling
91/100
Luca Maroni
90/99
Bibenda

91 pt James Suckling, 90 Luca Maroni e 4 Grappoli Bibenda, Franciacorta Berlucchi '61 Rosè, “qui è nato il Franciacorta”, uno spumante “dalle note eleganti di frutti di bosco e frutta matura. 

Vera “specialità” su Vivino, uno dei Rosè di Franciacorta più apprezzati!

91-js.png

Il Vino

Guido Berlucchi non è stato soltanto un elegante nobiluomo di campagna ma, insieme all’enologo Franco Ziliani, è stato prima di tutto “l'architetto” di un disegno perfetto, che oggi intere generazioni ammirano e ringraziano! Degustiamo insieme, per l prima volta su Vivino, Berlucchi ’61 Rosé: Franciacorta dal colore rosa deciso e brillante, con un perlage sottile, al naso sprigiona note fruttate di ciliegia, agrumi e crosta di pane. Al palato, una vena acida e una slanciata freschezza preparano a un finale scintillante su toni fruttati. 

Vinificazione: spremitura soffice e progressiva dei grappoli con frazionamento dei mosti; fermentazione alcolica in tini d’acciaio. La macerazione per alcune ore del Pinot Nero a contatto con le bucce (macerazione in rosa) dona colore e profumi tipici della varietà. 

Maturazione: preparazione della cuvée nella primavera successiva alla vendemmia. Seconda fermentazione in bottiglia e successivo affinamento a contatto con i propri lieviti per almeno 24 mesi, seguito da altri 2 mesi dopo la sboccatura. 

Vitigno: Pinot Nero (60%) e Chardonnay (40%), provenienti dai più vocati vigneti dei 19 comuni della Franciacorta. 

Gradazione alcolica: 12,5%

La Cantina

Il 1955 è l'anno che ha cambiato il destino della Franciacorta. Franco Ziliani, enologo e “padre del Franciacorta”, incontra a Palazzo Lana Guido Berlucchi. Tra i due nasce un progetto che vede anche la partecipazione di Giorgio Lanciani: produrre un metodo classico nella patria dei vini fermi. Un sogno che diventa realtà nel 1961, anno in cui furono sigillate tremila bottiglie di Pinot di Franciacorta. Guido Berlucchi scompare nel 2000 e oggi a guidare l’azienda c’è Franco Ziliani, affiancato dai figli Cristina, Arturo e Paolo, rispettivamente a capo della comunicazione, della produzione e dell'aerea commerciale.

I Vigneti 

Una viticoltura in totale conversione all’agricoltura biologica che coinvolge 520 ettari di vigneti, classificati, mappati via satellite, al fine di associare il carattere di ogni vino al tipo di terreno e di valutare il vigore delle diverse aree della vigna, scaglionando la vendemmia e fertilizzando il terreno solo dove necessario. 

Enologo

La conduzione enologica della Guido Berlucchi è affidata ad Arturo Ziliani, affiancato da Ferdinando Dell'Aquila, mentre a Diego Cortinovis spettaquella agronomica. La loro esperienza e professionalità garantiscono qualità e affidabilità in tutte le fasi produttive, dalla vigna alla bottiglia.

 

 

 

 

Da Vivino per voi!     Mauro Bricolo

     

Da Vivino per voi!     Mauro Bricolo 

logo.gif 3.8 (809 recensioni): parecchie votazioni e sempre con punteggi alti, anche il Rosè 61 viene riconoscuto dagli utenti Vivino come un ottimo Franciacorta

jamessucklinglogo1-e1443251935212.jpg

91 punti James Suckling: il critico americano ha degustato i vini di Berlucchi assegnando punteggi molto alti, 91 punti al Rosè 61!

 luca-maroni-90.jpg

pinotfranciacorta-berlucchi.jpg 

La prima bottiglia di Franciacorta prodotta portava l'etichetta Pinot di Franciacorta

Leggi di più su Rosè 61 Berlucchi, un elegante rosè da 91 punti James Suckling sul sito www.vivino.com